flexile-white-logo

Il Tesoro dei 7 Peccati Capitali – The End… – Campagna di Navigavia (7th Sea) – Jack “Gufo”

Il Tesoro dei 7 Peccati Capitali – The End... – Campagna di Navigavia (7th Sea) – Jack “Gufo”

La Navigavia possiede varie leggende, tra le quali la leggenda dell’Ammazza Dei.

La leggenda racconta dell’esistenza di un arma, rinchiusa in un forziere magico, in grado di uccidere un dio. Per aprire il forziere servono 7 dischi raffiguranti ognuno un peccato capitale.

Questa storia narra le gesta di un gruppo di “Eroi” che cercheranno di trovare L’Ammazza Dei.

Riassunto puntata precedente

Il Gruppo di Eroi è arrivato nel deserto Reittorato e ha comprato mezzi e provviste per cercare il penultimo disco.

Arrivati ad una grossa torre circolare di cinque piani sì sono accampati per cercare il disco quando avrebbe iniziato a fare più freddo.

I Eroi (più Victor) sono saliti sui 5 piani per trovare il disco scontrandosi con: Ombre viventi, Spettri maligni, Ombre carnivore, Duplicati di personaggi ai Eroi cari e una Filastrocca o una Profezia terrificante.

Dopo che un Eroe è stato scosso da tutto questo sono tornati alla nave chiedendo spiegazioni a Victor che sembrava sapere un po’ troppo.

Dopo che Victor ha rivelato che un membro dell’equipaggio non appartiene a questo mondo e che il suo orologio è il contenitore dei suoi ricordi perduti hanno deciso di tornare a Rutenia per prendere da un “Amico” l’ultimo disco.


Il Diario di Stone

Spedizio 5 Navigazio 1670 D.P. (1 P.V.)

Mercoledì 5 Aprile 1670 D.P. (1 P.V.)

Dopo aver preso il disco dal Yuan-ti druido siamo andati al desertico Reittorato per prendere il penultimo disco, poiché sembrava che il disco fosse in mezzo al deserto abbiamo comprato dei mezzi, provviste e una guida.

Siamo arrivati all’entrata di una grossa torre circolare di cinque piani.

Ci siamo accampati e abbiamo aspettato che il clima desertico diventasse più fresco con l’arrivo della sera.

Entrando nella torre eravamo in una grossa stanza circolare molto buia con circa una ventina di porte di pietra e al centro una scala a chiocciola.

Avvicinandoci ad una porta abbiamo sentito qualcuno che batteva le mani sulle proprie gambe a ritmo d’orologio ma aprendo la porta nella buia stanza di pietra non abbiamo trovato nessuno.

Ho cercato quindi di scannerizzare la stanza sperando che la sabbia non abbia rovinato i miei circuiti, ho rilevato circa una ventina di esemplari di ombre: nel vero senso della parola ombre che sì sono staccate dal proprietario.

Al secondo piano abbiamo trovato una decina di spettri che hanno attaccato tutti a parte me essendo probabilmente che io non faccio parte di questo universo, dopo un po’ di tempo li hanno sconfitti mentre io mi sono appoggiato alle scale cercando di capire le sue motivazioni nel fare qualcosa del genere.

Al terzo piano totalmente senza luce abbiamo trovato un labirinto abitato da un Vashta Nerada: un’ombra carnivora proveniente da un altro pianeta, per sfortuna la sabbia a avuto la meglio sui miei circuiti e mi ha impedito di localizzarlo esattamente.

Quindi con varie torce e il mio globo di luce siamo riusciti a trovare le scale per salire il piano successivo.

Il quarto piano sembrava abbastanza normale, molto probabilmente avremmo dovuto aprire tutte le porte di pietra ai lati della stanza per trovare le scale, ma ogni porta che noi aprivamo una persona importante per qualcuno dell’equipaggio appariva dietro la porta.

Ovviamente per il ragazzo la persona fu Rose…

Avevamo già capito, o meglio dire sperato che erano illusioni o mutaforma, ma in quel momento sembrava così reale.

Il ragazzo per fortuna non la ricordava ancora anche se alla vista della ragazza ha fatto cadere una lacrima anche se dubito che se ne sia accorto.

Quello che ho dovuto fare dopo non me la sento di scriverlo.

Dopo un po’ abbiamo trovato le scale, siamo saliti all’ultimo piano e abbiamo trovato un registratore di audio cassette collegato ad una teca che conteneva il disco: avremmo dovuto sentire l’audio cassetta se volevamo prendere il disco.

Faccio una leggera sintesi su quello che abbiamo sentito tenendo la profezia per intero.

Era una registrazione del Silenzio, più principalmente di Madame Kovarian che ha registrato una versione della filastrocca o per meglio dire della profezia Tic Tac recitata dalla giovane Melody Pond.

Tic tac L’ora è 

Cosa vedremo allora?

Tic tac fino al giorno

Che tu mi sposerai

 

Tic tac l’ora è 

Adesso a cosa giochiamo?

Tic tac l’ora è 

L’estate è finita 

 

Tic tac l’ora è 

Tutti gli anni volano

Tic tac, troppo presto

dobbiamo tutti morire

 

Tic tac l’ora è 

A Trenzalore aspetta

Tic tac l’ora è 

Anche per te…

 

Tic tac manca poco

Imminente il suo ritorno 

Tic tac manca poco

Meno di 5 di

 

Tic tac l’ora è 

Che L’orologio si apra

Tic tac l’ora è 

Del suo ritorno

 

Tic tac l’ora è 

abbiamo riso del destino

Tic tac l’ora è 

e l’abbiamo pianto

 

Tic tac sta tornando 

Coraggioso e buono

Tic tac sta tornando 

È uno perirà…

La studierò meglio dopo tutto questo…

Dopo aver sentito la registrazione il ragazzo ha dato di matto e il medico gli ha dato un sonnifero per calmarlo… chi lo potrebbe biasimare dopo tutto quello che gli sta succedendo attorno.

Abbiamo preso il disco e siamo tornati immediatamente alla nave con direzione Rutenia per prendere l’ultimo disco.

Ovviamente il capitano mi ha chiesto spiegazioni e io gli ho raccontato il minimo indispensabile. Dubitano di me.

Victor Silver Stone

Oceanus 6 Navigazio 1670 D.P. (1 P.V.)

Giovedì 6 Aprile 1670 D.P. (1 P.V.)

L’equipaggio è sceso a Rutenia per prendere l’ultimo disco e mi ha lasciato sulla nave, almeno ho potuto pensare a un paio di cose in tranquillità mentre ero da solo.

Ho chiesto ai agenti se andando alle coordinate che mi aveva dato River avevano trovato quello che pensavo e di controllare le condizioni di Rose in questo momento.

Avevano trovato il manufatto e Rose stava bene.

Ho chiesto di sgomberare la magione per quando saremo arrivati lasciando solo il manufatto.

A occhio saremo arrivati più o meno il 8 Navigazio.

Circa qualche ora prima di quando sarebbe passata una settimana dal disegno che aveva fatto il ragazzo.

Victor Silver Stone

martedì 14 Maggio 2024    
19:30 - 22:30
Circolo Fratellanza Operaia
Viale della Rocca, 16, San Giovanni in Persiceto, BO, 40017
Consenso ai cookie con Real Cookie Banner
× Serve aiuto?